Ricerca svizzera contro il cancroRicerca contro il cancroProgetti di ricerca sostenutiProgetti di ricerca esemplariAlla ricerca delle cause della leucemia infantile

Alla ricerca delle cause della leucemia infantile

Le leucemie colpiscono bambini che spesso hanno solo da due a cinque anni di età. Perché si ammalano? C’è chi cerca di fare luce sulla questione attraverso un’analisi approfondita di una raccolta dati sui tumori infantili estesa a tutta la Svizzera.

Ogni anno in Svizzera circa 200 bambini, soprattutto tra i due e i cinque anni, si ammalano di cancro – in particolare di leucemia o di altri tumori del sangue. Individuare le cause di questa malattia rimane un enigma: ci sono fattori genetici o campi elettromagnetici che vi influiscono? A tal proposito esistono scarsissimi referti attendibili. Sulla base dei dati riportati nel registro svizzero dei tumori pediatrici, lo statistico Ben Spycher collabora con pediatri e epidemiologi per cercare di elaborare schemi della malattia.

Effettivamente, come hanno dimostrato i ricercatori, l’incidenza dei casi di leucemia tra i bambini non è casuale. Nei risulati ottenuti finora sono state individuate concentrazioni delimitate nel tempo e nello spazio, che potrebbero essere riconducibili a virus o altri agenti patogeni presenti esattamente nella località in cui i bambini erano venuti al mondo. Questo potrebbe aver portato il sistema immunitario dei bambini ammalati a non potersi formare normalmente, così da sviluppare una leucemia negli anni successivi?

Al momento si tratta solo di supposizioni che Spycher dovrà avvalorare o confutare attraverso sofisticati giochi di cifre. E anche se dovessero essere identificati i potenziali agenti patogeni virali solo in un secondo momento, conoscere i possibili fattori scatenanti della leucemia tra i bambini é necessario. Poiché ciò potrebbe contribuire a prevenire questa malattia. Sebbene la medicina oggi sia in grado di guarire la maggior parte di pazienti giovani, per i bambini e per i loro familiari le cure sono molto stressanti sia dal punto di vista fisico che mentale, comportando anche un elevato rischio di conseguenze ritardate come la riduzione della fertilità in età adulta.